bann datagest15 mag17 728 90

CHI VA E CHI VIENE

L'AEROPORTO DEL MESE

LA COMPAGNIA DEL MESE

ryanair_aircraft.jpgIl sito di Ryanair riporta questa clausola, che non fa sconti a nessuno: “This website and the Ryanair call centre are the exclusive distribution channels of Ryanair’s services. Ryanair therefore reserves the right to cancel any bookings made other than directly through Ryanair.com, including any bookings made through third party websites, including online travel agents, and further reserves the right to refuse to carry any passenger making such a booking”. Ma Fiavet non ci sta e invia una formale diffida nei confronti di Ryanair, contro il divieto per le agenzie di viaggi di utilizzare il sito del vettore per venderne i biglietti. A seguito di “numerose e concordanti pronunce emesse dai Tribunali di diversi stati membri dell'Unione Europea, Fiavet ha dato incarico all'Ufficio legale di inviare formale diffida a Ryanair, affinché vengano immediatamente eliminate dalle condizioni generali di utilizzo del proprio sito Internet della vendita della biglietteria, le clausole che vietano l'intermediazione delle agenzie di viaggi. Risulta, infatti, che per l'accesso al sito di Ryanair è attualmente necessario accettare clausole che vietano alle agenzie di viaggi di effettuare prenotazioni per conto della clientela, ovvero, comunque, di utilizzare il sito per scopi commerciali. Tali clausole impediscono il libero esercizio dell'attività imprenditoriale da parte degli agenti di viaggi (i quali, come noto, annoverano tra le loro attività tradizionali anche quella della intermediazione nella conclusione dei contratti di trasporto) e restringono immotivatamente l'accesso al mercato di riferimento, con violazione della normativa Antitrust, che si traduce in pratica sleale nei confronti della categoria”. Pronta la risposta di Ryanair: ”Ryanair ribadisce che le sue tariffe sono garantite e che non possono essere aumentate dalle ingorde agenzie di viaggi”. E di fronte al muso duro preannunciato dalla low cost, Fiavet minaccia di avviare ulteriori azioni legali. Vedremo come andrà a finire...