bann datagest15 mag17 728 90

CHI VA E CHI VIENE

L'AEROPORTO DEL MESE

LA COMPAGNIA DEL MESE

southern california logistic airport qLe riprese aeree del Southern California Logistics Airport di Victorville, nel deserto del Mojave, sono impressionanti: uno dei cimiteri degli aerei americani dove velivoli fuori servizio vengono parcheggiati in attesa di essere smantellati, o che il metallo delle fusoliere venga rivenduto come materiale di riutilizzo. Oltre a quello di Victorville, che conta più di 1200 aerei dismessi, negli USA esistono diversi cimiteri simili, in California, New Mexico e Arizona. Tutti localizzati in aree desertiche, dove il clima secco riduce le possibilità di corrosione. Ma quando e perché un velivolo commerciale viene dismesso? La vita di un aereo è lunghissima: se ben tenuto e sottoposto a regolare manutenzione (come d’obbligo per tutte le compagnie aeree aderenti a IATA, ad esempio) può avere 20, 30 anni e più, ma la sua sicurezza è garantita, esattamente come un velivolo più giovane. È proprio il fatto di essere sottoposte a controlli e revisioni periodiche che rende queste macchine, indipendentemente dall'età, così sicure.Revisioni che prevedono l’analisi di ogni singolo componente (un Airbus 380 ne comprende 4 milioni), avendo ciascuno la sua vita operativa, sia in ore di volo che in mesi/anni. Raggiunta la scadenza, il pezzo viene sostituito e in tal modo la durata di un aeroplano potrebbe essere teoricamente illimitata. Il problema è che a lungo andare tenerlo in esercizio diventa antieconomico: più è vecchio, più frequentemente dev’essere controllato; richiede maggiori costi di manutenzione e i pezzi di ricambio diventano meno comuni; ha allestimenti meno graditi ai passeggeri; fa più rumore e consuma di più. Anzi, è proprio la necessità di ridurre i consumi che ha determinato la fine dei quadrimotori (primo fra tutti il Boeing 747, noto come “Jumbo Jet”) a favore dei bimotori, rappresentati oggi dall’Airbus A350 o dal Boeing 787, il famoso Dreamliner:2 motori solamente, minori consumi (winglets, materiali più leggeri, aerodinamica), minor rumore, minori costi di esercizio e manutenzione. A tutto questo si aggiunge una questione legata alla natura stessa dell’aereo: durante ogni volo la cabina viene pressurizzata, quindi la fusoliera si espande per la pressione che si crea all'interno; quando si riscende a terra la pressurizzazione viene azzerata e la fusoliera si contrae di nuovo. A lungo andare questi cicli creano “fatica” nella struttura metallica. Ne consegue che ogni aeroplano ha un numero massimo di cicli raccomandato dal costruttore. Dopodiché finisce, se ha volato negli USA, in un cimitero come quello del deserto del Mojave.