bann datagest15 mag17 728 90

CHI VA E CHI VIENE

L'AEROPORTO DEL MESE

LA COMPAGNIA DEL MESE

alitalia logoetihad logo az qUna cosa è certa: è stato un matrimonio infelice, quello tra gli emiratini di Abu Dhabi e la nostra ex compagnia di bandiera: da dicembre 2017 il divorzio è completo anche nel logo. Via il marchio Etihad dal sito ufficiale. Via l’indicazione “Partners”. Via le sfumature sul verde dal logo Alitalia, che secondo alcuni viravano un po’ troppo verso quelle del deserto, “in onore” dei soci arabi. Resta soltanto l’indicazione di Sky Team, l’alleanza a cui Alitalia appartiene, chissà ancora per quanto tempo ancora. Dopo due anni e mezzo (l’accordo risale ad agosto 2014) sparisce ogni riferimento al vettore del Golfo Persico e Alitalia torna al logo tradizionale, che aveva subito l’ultimo restyling nel 2005. “Il logo è semplificato, ma sostanzialmente è rimasto lo stesso dei mesi scorsi, abbiamo tolto la sfumatura”, precisano nel quartier generale a Fiumicino. Nel 2014 il CEO di Etihad James Hogan si era sbilanciato con un ottimistico “Alitalia diventerà un’azienda più sexy, ci sarà da lavorare di più, ma il futuro è assicurato”. Si è visto che fine han fatto (sia lui che l’Alitalia.